Zuppa inglese anche per celiaci: il Natale a tavola!

Un dolce per entrare nell’atmosfera del Natale. Adatto a tutti perché preparato in chiave gluten free dalla nostra bravissima Margharet Evangelisti, autrice de L’Artusi senza glutine.

zuppa inglese di Margharet

 

Ingredienti:

per la crema:

mezzo litro di latte
85 grammi di zucchero
40 grammi di maizena (amido di mais) senza glutine
4 rossi d’uovo
una bustina di vanillina senza glutine o consentita da prontuario

per la composizione:
una scatola di savoiardi senza glutine
rosolio bianco e alchermes consentiti da prontuario

Procedimento:

Lavorate prima lo zucchero con i rossi d’uovo, direttamente nel tegame, mescolando con un cucchiaio di legno, aggiungete l’amido e per ultimo il latte a poco per volta. Mettete sul fuoco girando il mestolo di continuo fino a quando la crema inizia a rapprendersi, mescolate ancora per qualche minuto poi togliete dal fuoco. Trasferite la crema in un contenitore di vetro e appoggiatevi sopra la pellicola trasparente per alimenti, deve essere attaccata alla crema, in questo modo si eviterà che sulla superficie della crema si formi una patina, lasciate raffreddare. Potete preparare la crema anche il giorno prima.

Nello stampo che avete scelto fate un primo strato di crema ed uno di savoiardi intinti in un rosolio bianco. Versate dell’altra crema e sovrapponete degli altri savoiardi intinti nell’ alchermes e ripetete l’operazione fino a riempire lo stampo. Se non trovate il rosolio bianco, usate solo quello rosso o l’alchermes.

Ho fatto questa ricetta per il giorno di Natale ed è stato un successo, ma ho raddoppiato la dose della crema, fate attenzione a non inzuppare troppo i savoiardi nel rosolio perché lo rigetterebbero, tenete la zuppa inglese in frigorifero. Se il dolce lo devono mangiare anche i bambini diluite il rosolio, mentre se il liquore fosse troppo dolce, correggetelo con il rhum o con il cognac; vale sempre la regola che è più buono il giorno dopo, che appena preparato. Io ho finito il dolce con uno strato di crema ma la regola invece dice di finire con uno strato di savoiardi.

L’alchermes e il rosolio sono prodotti a rischio per il celiaco devono essere consentiti da prontuario o con dicitura senza glutine in etichetta.

scritto da
Mamma, giornalista, amante della buona cucina. Meglio se bio e a km 0! Nel 2012 ha fondato Romagnamamma.it, il quotidiano online dedicato a mamma e papà di cui fa parte il progetto di Piccolo cuoco.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>