Cous cous senza glutine con verdure, pesce e semi di cumino

Categorie: Celiachia, Piatti Unici, Primo
Tags:
01 luglio 2014

a cura di Margharet Evangelisti, mamma “gluten free” che ha rivisitato l’Artusi per i celiaci

cous cousUn piatto dal sapore estivo, molto fresco e digeribile per la presenza dei semi di cumino, sostituite il cumino al pepe per un sapore più tradizionale. Il pesce usato per questa preparazione è senza spine perciò adatto ai bambini. Conservatelo in frigorifero e servitelo a temperatura ambiente; ottimo pasto take away per la pausa pranzo, sempre on made.

Ingredienti: 250 gr di cous cous senza glutine (schar), un trancio di spinarolo o altro pesce simile, 350 gr di gamberi, una cappasanta mezzo guscio per persona, due code di gambero per persona, due coste di sedano tritati, una carota tritata, una cipolla tagliata a fette, un peperone rosso e uno giallo tagliato a striscioline, 300 gr di piselli finissimi surgelati, sale, olio, mezzo cucchiaino di semi di cumino.

Preparazione:
Cuocete il cous cous come indicato nella confezione, a 250 gr di cous cous aggiungete pari quantità di acqua bollente, un pizzico di sale e un cucchiaio di olio. Mescolare e lasciare riposare due minuti, aggiungere un altro cucchiaio di olio e riprendere la cottura per altri tre minuti, sgranare con una forchetta e coprire con un coperchio. In una larga padella fate soffriggere in un po’ d’olio il sedano, carota e la cipolla tagliata, i piselli ancora surgelati, il peperone giallo e rosso, salate e lasciate cuocere con il coperchio; aggiungete poca acqua per fare appassire le verdure, mentre le verdure si cuociono pulite i gamberi e tagliate lo spinarolo a fette. Unite il pesce, i semi di cumino o pepe e lasciate cuocere ancora per qualche minuto infine unite nella padella di pesce e verdura il cous cous. Cospargete ogni cappasanta con pangrattato senza glutine e un filo di olio e cuocetele in forno con le code di gambero. Mescolate e servite il cous cous a temperatura ambiente con una cappasanta e due code di gambero per persona. Il giorno dopo è ancora più buono quindi potete prepararlo in anticipo anche il giorno prima. Buon appetito!

scritto da
Mamma, giornalista, amante della buona cucina. Meglio se bio e a km 0! Nel 2012 ha fondato Romagnamamma.it, il quotidiano online dedicato a mamma e papà di cui fa parte il progetto di Piccolo cuoco.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>