Sindrome di iperattività: meno rischi per i bimbi allattati al seno

24 luglio 2013
Arriva da Tel Aviv l’ultima ricerca che rafforza ancora di più i lati positivi dell’allattamento al seno. E’ nella città israeliana, infatti, che un gruppo di ricercatori ha esaminato il comportamento di tre diversi gruppi di bambini, arrivando a considerare che quelli allattati al seno sono meno a rischio di contrarre la cosiddetta sindrome di iperattività e deficit dell’attenzione, meglio nota come ADHD. I piccoli erano infatti colpiti dalla sindrome, parenti di quest’ultimi, senza alcun collegamento con l’ADHD.

Lo studio ha rilevato un’associazione tra l’assunzione di latte materno e la riduzione del rischio di ammalarsi del disordine comportamentale generalmente diagnosticato tra l’infanzia e l’adolescenza. L’indagine è stata condotta da Aviva Mimouni-Bloch e pubblicata sulla rivista Breastfeeding Medicine e sul sito www.aftau.org
Dalla ricerca è emerso un chiaro legame tra i tassi di allattamento al seno e il pericolo di sviluppare la sindrome da deficit di attenzione e iperattività, legame conclamato anche in presenza dei fattori di rischio considerati tipici del disturbo. 
Secondo lo studio, i bambini che sono stati allattati artificialmente nei primi tre mesi hanno tre volte in più le probabilità di ammalarsi dei bimbi allattati al senso per lo stesso periodo di tempo. 
scritto da

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>