Biscotti senesi alle mandorle

Come tutte le ricette medievali, anche questi biscotti – tipici senesi – sono a base di pochi ingredienti semplici e salutari. Ci sono naturalmente diverse interpretazioni, ma che divertimento sarebbe in cucina se non potessimo sbizzarrirci un po’? Trovate la seguente ricetta riadattata, seguendo la priorità di ingredienti sani e la facilità di esecuzione. Adatti anche alla preparazione con i più piccoli. Le dosi suggerite sono per c. 12-14 biscotti.
Ingredienti (per 14 biscotti):

– 200g di farina di mandorle
– 170g di zucchero di canna grezzo che avete ridotto in polvere con un robot da cucina
– 20g di fruttosio ridotto a polvere
– 1 ml di aroma naturale di mandorla o 1 cucchiaio di olio di mandorla
– 20g di farina di frumento
– 6 g di lievito biologico per dolci
– 1 albume d’uovo
Preparazione:

In una ciotola, mescolate la metà dello zucchero di canna ridotto a polvere, la farina ed il lievito biologico. In un altro recipiente, mescolate l’altra metà dello zucchero di canna in polvere con l’albume. Ora, unite i due impasti e versate anche l’aroma naturale di mandorla. Quando avete ottenuto un impasto omogeneo,  avvolgetelo nella pellicola trasparente e mettetelo in frigo, almeno per una notte.  Il giorno dopo, create delle palline (o rombi, magari aiutandovi con le formine per i biscotti). Disponete sulla carta da forno e infornate a 150°C per 10 minuti al massimo. State molto attenti in questa fase, perché, idealmente i biscotti dovrebbero iniziare a “fare le crepe” per segnare che sono pronti. Tuttavia, se questo non dovesse accadere, basta solo che si oscuriscano un po’, allora potrete toglierli dal forno. Aspettate che si raffreddino e spolverizzate con il fruttosio in polvere.
Buon appetito e Buon divertimento in Cucina!
A domani con la nuova ricetta!
Vostro,

 

scritto da

Un commento per “Biscotti senesi alle mandorle

  1. Una ricetta deliziosa e classico. Raccomandazione meraviglioso!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>